Pillole

Pillole di informazione digitale

Segnalazioni di articoli su diritti digitali, software libero, open data, didattica, tecno-controllo, privacy, big data, AI, Machine learning...

"A breve saranno tre anni dall'inizio della sperimentazione di questo strumento. Abbiamo pensato che fosse un buon momento per tracciare un bilancio dell'esperienza, sperando possa aiutare la riflessione collettiva e farci crescere insieme."

Il testo vuole essere un bilancio del percorso ad oggi, ed è scritto da chi attualmente fa parte del collettivo. Il testo sarà discusso durante l'incontro del 9 aprile (ore 19:00).

Temi

  • Da dove siamo partitə e perché l'abbiamo fatto
  • Come l'abbiamo fatto
  • Cosa è successo davvero
  • Cosa è andato bene
  • Cosa è andato male
  • "Dinamiche da social"?
  • Moderazione
  • Privacy, anonimato e servizi autogestiti
  • Prossimi passi sul lato tecnico
  • Piani per il presente e per il futuro

Leggi il testo sul sito di bida

Scrivi all'admin per partecipare all'incontro

Se ne è accorta persino Repubblica. Per questo ha pubblicato un video in cui intrervista una serie di persone che, più o meno attivamente, cercano di non utilizzare i servizi offerti dalle Big Tech: No gmail, no Whatsapp e così via.

Dall'ingegnere e padre di famiglia che installa un server in casa per gestire i documenti in cloud, passando per i Fridays For Future Italia, fino all'ex parlamentare Stefano Quintarelli, in molti mostrano che è possibile utilizzare servizi digitali che non vengono erogati dalle multinazionali del digitale e funzionano!

Guarda il video sul sito di repubblica

Visita anche il sito che raccoglie tutte le alternative ai servizi dei Big Tech

All’interno di questo sito potrete trovare alternative etiche a tutti i prodotti di Google come Gmail e Chrome, e di moltissime altre realtà mainstream come ad esempio Whatsapp.

Gli autori del sito mettono in chiaro una cosa importante: "in questo sito cercheremo di non fare complottismi e dietrologie, né di andare alla ricerca del servizio più puro di tutti. Si cercano solo valide alternative che rispettino il più possibile la privacy, che siano possibilmente open source e che abbiano un background il più possibile etico."

Gli autori provano tutte le alternative prima di segnalarle sul sito.

E le alternative ci sono, sono tante e funzionano! Leggile su "le alternative"